Tommasi selected in the top 130 wineries by Wine Spectator for OperaWine 2022

Since the first edition, Tommasi has been re-confirmed among the top wineries selected for the OperaWine 2022 edition.

De Buris Amarone della Valpolicella Classico Docg 2010 Riserva was selected by Wine Spectator such as best wine representing the Veneto region and Italy.

Since the first edition, Tommasi has been re-confirmed among the top wineries selected for the OperaWine 2022 edition.
De Buris Amarone della Valpolicella Classico Docg 2010 Riserva was selected by Wine Spectator such as best wine representing the Veneto region and Italy.

De Buris – Tommasi family’s luxury brand, is confirmed as an excellence of Made in Italy: De Buris Amarone della Valpolicella Classico docg Riserva 2010, oenological pearl of the Valpolicella Classica, has been selected by the prestigious wine magazine Wine Spectator, and it will be presented on Saturday the 9th of April at OperaWine2022.

 

The world showcase of Italian wine is back on the 9th of April. Ten years after the first edition, OperaWine presents the best Italian wines to buyers who will arrive in Verona in occasion of Vinitaly.

The great fair returns from 10 to 13 April 2022, after two years of interruption, and OperaWine will take place the day before.

The world of wine is going through a unique historical moment regarding the evolving “new normal”, balancing the challenges and opportunities presented by the pandemic as well as the contrast between innovation and preservation of tradition.

The same elements exist in the style of Piet Mondrian, an artist who sought harmony all his life. The concept of OperaWine2022 takes inspiration from his work, with an edition that aims to look at rebirth and, above all, balance.


Tommasi si riconferma nella top 130 di Wine Spectator per OperaWine 2022

Presente sin dalla prima edizione, Tommasi è confermato anche per l’edizione 2022 di OperaWine.
De Buris Amarone della Valpolicella Classico Docg 2010 Riserva è stato selezionato Wine Spectator fra i migliori vini che rappresentano il territorio Veneto e l’Italia

Si conferma un’eccellenza del Made in Italy il brand De Buris della famiglia Tommasi: De Buris Amarone della Valpolicella Classico docg Riserva 2010, perla enologica della Valpolicella Classica, è stato selezionato dalla prestigiosa rivista del mondo del vino Wine Spectator, e sarà presente Sabato 9 Aprile a OperaWine 2022.

Torna il prossimo 9 aprile la vetrina mondiale del vino italiano. A dieci anni dalla prima edizione, OperaWine presenta i migliori vini italiani ai compratori che arriveranno a Verona per il Vinitaly.
La grande fiera torna dal 10 al 13 aprile 2022, dopo due anni di interruzione a causa del Covid, OperaWine la precede di un giorno. È l’evento più internazionale, organizzato da VeronaFiere e da Wine Spectator, la rivista americana di riferimento per il settore.

Il mondo del vino sta attraversando un momento storico unico per quanto riguarda la “nuova normalità” in evoluzione, in equilibrio tra le sfide e le opportunità presentate dalla pandemia e il contrasto tra innovazione e conservazione della tradizione.
Gli stessi elementi esistono nello stile di Piet Mondrian, un artista che ha cercato l’armonia per tutta la vita. Il concept di OperaWine2022 prende ispirazione dal suo lavoro, con un’edizione che punta a guardare alla rinascita e, soprattutto, all’equilibrio.


Tommasi e Verona

«Un paese senza cultura e arte, senza i mezzi per fare cultura e arte,
è un paese che non si rinnova, che si ferma
e non ha accesso a ciò che succede in paesi più importanti,
negandosi così ad un futuro vero, autentico e soprattutto libero
».
Carla Fracci

Negli anni Tommasi Family Estates  si è sviluppata in cinque regioni vinicole italiane: siamo una famiglia di imprenditori guidati dalla volontà di crescere ma anche dall’ambizione, caratteristiche che ci hanno fatto intraprendere un “viaggio” nel nostro Paese dove abbiamo investito in diversi territori vitivinicoli vocati. C’è, tuttavia, un forte senso di appartenenza che ci tiene legati a Verona, la nostra città d’origine, alla sua bellezza, ai suoi simboli.

L’Arena, il balcone di Giulietta, l’Amarone rappresentano la nostra identità.
Non c’è solo questo: ci riconosciamo nell’intraprendenza che caratterizza il nostro territorio, nella grinta, nell’abnegazione, anche nell’umiltà che è radicata nelle nostre origini contadine. Altrove, in altre regioni, le aziende vitivinicole hanno invece alle spalle una storia che nasce spesso in ambienti nobili e aristocratici.
Crediamo che questo forte, viscerale legame con la terra che caratterizza noi Veronesi sia un valore aggiunto riconosciuto e apprezzato anche all’estero.

Il nostro progetto di sostenibilità comprende anche l’impegno sociale e valorizzazione delle eccellenze del territorio, per questo siamo in prima linea e protagonisti di diversi progetti.
Sosteniamo Fondazione Arena di Verona con il progetto di fund raising 67 Colonne #iosonolarena.
L’Arena e l’Opera sono qualcosa che tutto il mondo ci invidia; l’Opera in Arena è un’esperienza unica e indimenticabile.

Siamo wine partner di ArtVerona, la fiera di arte contemporanea, per cui abbiamo istituito il nuovo premio De Buris, il nostro luxury wine brand.
Il Premio è aperto a tutti i giovani artisti figurativi italiani e stranieri under 35 anni. Il premio prevede l’acquisizione di un’opera che esprima l’essenza dell’annata 2010 di De Buris Amarone della Valpolicella Classico docg Riserva, che vuole esaltare il lusso del tempo.

Siamo wine partner del Mura Festival con un wine spot a Porta Fura, sulle rive dell’Adige.
Mura Festival è un progetto ideato e promosso dal Comune di Verona, nei quartieri di San Zeno, Veronetta, Borgo Trento e Torricelle, nel contesto della cinta magistrale, patrimonio dell’Unesco. Tantissimi gli eventi in programma per far riscoprire ai Veronesi di ogni età gli angoli più suggestivi della città.

Lavoriamo per promuovere l’enoturismo e la scoperta del territorio con diverse proposte di degustazione e in particolate tour in bicicletta nel cuore della Valpolicella Classica, un piccolo angolo di paradiso in provincia di Verona, a cui siamo profondamente legati e in cui affondano le nostre radici.

Tutte queste iniziative ci rendono parte attiva del tessuto cittadino, protagonisti di un territorio ricco di eccellenze, in cui spiccano l’arte, la cultura, il saper fare degli artigiani e vini come l’Amarone, di cui siamo orgogliosi ambasciatori in tutto il mondo.
Non siamo solo ambasciatori del vino, ma anche di questa grande città:  Tommasi è Verona.


New ideas and pleasures of the past: the Tommasi family’s magical wine destinations are ready for the upcoming tourist season

New ideas and pleasures of the past: the Tommasi family’s magical wine destinations are ready for the upcoming tourist season.

For tours and wine tastings visit  www.tommasiwinetours.com

Splendid scenery such as only Italy can offer, historic wine domaines, delightful establishments offering hospitality and accommodation: Italy is heading towards summer and is looking forward with renewed optimism to the restart of the wine tourist season.

The Tommasi family is ready to welcome tourists, wine lovers and visitors in general to their magnificent Estates, from Valpolicella Classica to Vulture, offering a full immersion in the countryside with exciting bicycle rides through the vineyards, or total relaxation at a luxurious wellness center.  There will also be opportunities to discover delicious regional dishes and outstanding wines, and for romantic escapes and cultural visits that wine enthusiasts and the simply curious will be able to enjoy thanks to our unique wine destinations: from Tommasi Viticoltori in Valpolicella to Casisano at Montalcino and Poggio al Tufo in the Maremma area of Tuscany – not forgetting Paternoster, an icon of winemaking excellence in Basilicata.

«We are finally ready to reopen the doors of our Estates to tourists and visitors, and we really couldn’t be happier» comments Pierangelo Tommasi, Executive Director of ‎Tommasi Family Estates. « The past months have been complicated, not only for people who work in the tourist or wine industries, but for all of the families in Italy who have had to stay at home because of the pandemic. Fortunately, we can now see the light at the end of the tunnel, and we can’t wait to make our wine tourism packages available to everyone who wants to discover the wonders of our countryside and our unique locations, from Valpolicella to Tuscany, and even Mount Vulture. Wine tourism is a precious resource for the whole country, and I am convinced that it will also represent the driving force for relaunching the whole sector. In the last few months, we have improved and upgraded what we have to offer from the hospitality point of view, and we are well aware that tourism has changed compared to the past: it will be closer to home, slower-paced and less seasonal; there will be greater respect for the environment and people will rediscover the countryside and its artistic, cultural, and gastronomic heritage. These aspects have given us the stimulus to offer wine lovers immersive experiences of even greater quality, in line with the spirit of hospitality that has always guided our family».

In Valpolicella, combining wellbeing with culture

That of Tommasi and Valpolicella Classica is the story of a relationship that has been indissoluble for four generations. The Tommasi family now offers new visits and tastings in the refurbished welcome area at Pedemonte, exploring the world of wine in Valpolicella Classica, one of our country’s outstanding production regions.

This is an experience that you can also enjoy on a bicycle, thanks to the e-bike rental that Tommasi now offers to involve wine lovers in tours through the vineyards of great emotional impact, admiring the grapes and the breathtaking views. Wine lovers can therefore enjoy the unspoiled countryside, before benefitting from a few hours’ well-deserved relaxation in the peace and quiet of the Villa Quaranta Tommasi Wine Hotel & Spa, our magnificent resort strategically positioned between Verona and Lake Garda.

Villa Quaranta offers top-quality wine and food experiences, as well as accommodation that is ideal for a romantic break and the delights of a thermal spa that is a panacea for the mind and body alike: the Terme della Valpolicella, one of the major attractions at Villa Quaranta, and a special place that provides leisure activities for all ages.

Lovers of art will enjoy the extraordinary cultural heritage of Verona, with the possibility of making their time in the city even more enjoyable with a stop at the Caffè Dante Bistrot, in Piazza dei Signori, where they can feast on gourmet dishes accompanied by the Tommasi family’s outstanding wines. In the heart of the historic city center, the Mazzanti Hotel offers its guests a tasting of the Tommasi wines before they retire to their rooms to rest before enjoying a new day in the unforgettable city of Verona.

 

Tommasi’s wine tour of Italy

Leaving the Valpolicella zone, the wine tour of the Tommasi Family Estates carries on amidst the breathtaking scenery of our nation. The first stop is at the magnificent Casisano property at Montalcino, for an experience that will gratify all your senses: from the vineyards to the aging cellar and then the tasting room, wine lovers become the protagonists of a little journey of vinous discovery that will deepen their knowledge of Montalcino and its wines. Our voyage then shifts from the heart of Tuscany to Poggio al Tufo, in the picturesque little town of Pitigliano in the Maremma, where you can stay in a delightful agriturismo in the midst of the vineyards.

From Tuscany to Basilicata: Tommasi then takes its visitors to another stunning wine destination, Paternoster, the flagship winery of Basilicata. On the volcanic soils of Monte Vulture, it grows Aglianico, one of the hardest varieties to cultivate, and in this unique area all you have to do is let yourself be guided by history, discovering the wines and their production methods in the historic cellar of Barone Paternoster.

 

Per informazioni e per scoprire tutte le proposte visita www.tommasiwinetours.com


#CasisanoTales: 36 stories to narrate Montalcino and our Brunello dream come true

#CasisanoTales a new way to tell a denomination and a wine

We arrived in Montalcino, amazed by both its history and its modernity.
Today we are committed to building our history in Casisano with an original interpretation that never loses sight of the region’s origins and the surprising journey of its modern-day rise, of which we want to give an original interpretation.

Our virtual journey winds through 36 stories to bring to life the unique and intriguing territory of Montalcino. We are awed to have crossed its path in 2015 when we took over Podere Casisano, our family’s farm, a home away from home.
We longed for this moment for decades, and today, the wines go hand in hand with our Amarone, appearing together in Italy and around the world.

Discover the 36 stories to understand and deepen your knowledge of Montalcino:  follow the pilgrimage to a “corner of France”, where the Brunello vineyards embrace the Abbey of Sant’Antimo; imagine the medieval city teeming with men-at-arms valiantly defending it from brutal sieges.

Sacred and profane are constantly at play and intertwined with vineyard life and the men who have paid homage to breathtaking views and a wine that has become an icon. It is an experience that remains etched in memory even today and that poets and writers from Carducci to Hemingway immortalized in their verses.
Cinema also left iconic images when the iconic directors Zeffirelli, Monicelli and Fellini were photographed in the square in the shadow of the town hall’s tower.
Montalcino is also sport and art, resistance and freedom: Montalcino, the crossroads of meetings, trade and tastings, where the wind feeds and generates strong, intense and unforgettable flavors; Montalcino, guardian of its biodiversity and dedicated to quality agriculture.

Montalcino of Brunello, Montalcino of Casisano.
A dream at the crossroad of reality is a phenomenal place to be.


#CasisanoTales: 36 storie per raccontare Montalcino e il nostro sogno di Brunello

#CasisanoTales un nuovo modo di raccontare una denominazione e le sue origini

Siamo arrivati a Montalcino meravigliati sia dalla sua storia sia dalla sua modernità.
Oggi siamo impegnati a costruire la nostra storia a Casisano, senza perdere di vista le origini e il sorprendente percorso di questo territorio, di cui vogliamo dare un’interpretazione originale.

Un cammino virtuale, che si snoda attraverso 36 racconti per descrivere e raccontare un territorio unico e meraviglioso come Montalcino, in cui si inserisce in parallelo il percorso Casisano, il podere della nostra famiglia, che tanto abbiamo desiderato e che oggi accompagna il nostro Amarone in Italia e nel mondo.

36 storie per capire ed approfondire la conoscenza di Montalcino, un “angolo di Francia” tra i vigneti di Brunello con l’Abazia di Sant’Antimo, città di uomini d’armi e d’assedi.
Sacro e profano che si rincorrono e si intrecciano con la vita della vigna e degli uomini, che hanno reso omaggio a panorami mozzafiato e ad un vino divenuto icona, che resta impresso nella memoria e che poeti e scrittori da Carducci ad Hemingway hanno reso immortale con i loro versi.
Anche il cinema è passato da Montalcino con Zeffirelli, Monicelli e Fellini fotografati nella piazza all’ombra dell’antica torre del Palazzo Comunale.
Montalcino dello sport e dell’arte, della resistenza e della libertà. Montalcino crocevia di incontri, commercio e degustazioni, dove il vento alimenta e genera sapori forti, intensi e indimenticabili. Montalcino vocata all’agricoltura di qualità e custode della sua biodiversità.

Montalcino del Brunello, Montalcino di Casisano.
Un sogno oggi realtà.


Tommasi pays homage to Lake Garda: the Le Fornaci Lugana project is unstoppable

Tommasi launches two novelties that will be presented alongside Lugana doc 2020: Le Fornaci Rosé and, in the coming months, Lugana doc Riserva 2018 

The unique panorama of the Le Fornaci Estate, with its neat rows of vines descending to the shores of Lake Garda, unites grape varieties and territory. The Tommasi family is ready to step up the Le Fornaci project with the new vintage of a great classic of the Veronese wine school, Lugana DOC 2020, and two absolute novelties: Le Fornaci Rosé 2020 and Le Fornaci Lugana DOC Riserva 2018, which will be presented by the end of the summer.. 

 «Lugana is an elegant and intense wine that evokes the delicate and fresh aromas of Lake Garda – comments Giancarlo Tommasi, oenologist for Tommasi Family Estates – It is also a heritage wine that encapsulates the unique qualities of a territory that our family has been committed to promoting for generations. Le Fornaci thus evolved into a bold and articulate project to pay homage to the Lake’s incredible landscapes and to one of Italy’s best wine regions. We express this through the wines we produce, wine tourism and, above all, the culture of hospitality that has always set us apart. In light of the past year, 2021 will probably not be an easy year, but we have decided to aim high and to give a sign: the Tommasi family is here to stay. Thanks to the passionate work of the women and men on our estates, we are ready to move forward with exciting news. In addition to the new Lugana 2020, Le Fornaci Rosé, an exclusive, intriguing wine with a floral bouquet and a vibrant sip, is on the way; and in the coming months, Le Fornaci Lugana Riserva 2018 will represent the pinnacle expression of Lake Garda, and our idea of a perfect union between vine and territory». 

 Le Fornaci Rosé is a blend of the indigenous Turbiana (90%) and Rondinella (10%) grape varieties, and a symbolic union of terroirs from two sides of the lake. Turbiana from Tenuta Le Fornaci, just outside Sirmione, meets Rondinella from a vineyard we own in Peschiera del Garda to create a wine with a unique colour that is the result of meticulous work that began with the careful selection of the grapes, through to the delicate phases of pressing and vinification. The soft colour, reminiscent of rose petals, is the prelude to a rich bouquet: fragrant and fine, with aromas of pink grapefruit, peach blossom, hints of minerals and tangerine peel. Matured in stainless steel, Le Fornaci Rosé is fresh, fragrant and subtle, with a vibrant acidity that brings back notes of citrus peel, and a lingering, harmonious finish. The complexity of this rosé encapsulates the philosophy of the Tommasi family, which promotes quality production through technological innovation while respecting the environment and the great winemaking traditions of the region. 

Served chilled, Le Fornaci Rosé is perfect as an aperitif and with delicate hors d’oeuvres, or for the impromptu pizza night. The structure of the wine makes it a stand out served with seafood main courses or oriental cuisine. This is the wine with the versatility that makes it ideal for everyday, casual dining. 

Le Fornaci Lugana DOC Riserva 2018 will be ready by the end of the summer. The wine was produced from a manual selection of the grapes ripened to produce a structured and intensely expressive wine. After fermentation in stainless steel tanks, 25% of the production rests in 500-litre French wooden barrels and 75% in stainless steel tanks, both for 18 months. This is followed by blending and bottle resting for at least 6 months. 

The project Le Fornaci Lugana is unstoppable, and is one again ready to excite palates with new wines by Tommasi. 


Tommasi omaggia il Lago di Garda: il progetto Le Fornaci Lugana non si ferma

In arrivo due novità assolute che Tommasi presenta insieme al Lugana doc 2020:
Le Fornaci Rosé e, nei prossimi mesi, il Lugana doc Riserva 2018 

I filari di Tenuta Le Fornaci, una cornice unica, il Lago di Garda che diventa il perfetto connubio tra vitigni e territorio: la famiglia Tommasi è pronta ad arricchire il progetto Le Fornaci con la nuova annata di un grande classico della scuola vitivinicola veronese, il Lugana DOC 2020, e due novità assolute: Le Fornaci Rosé 2020 e Le Fornaci Lugana DOC Riserva 2018, che verrà presentato entro la fine dell’estate.

«Il Lugana è un vino elegante e intenso, che racchiude i profumi delicati e freschi del Lago di Garda – commenta Giancarlo Tommasi, enologo di Tommasi Family Estates –. È anche un vino storico, capace di esprimere le qualità di un territorio unico che la nostra famiglia, da generazioni, è impegnata a valorizzare. Il progetto Le Fornaci è nato proprio per questo, per rendere omaggio a paesaggi incredibili e a una regione vinicola tra le più vocate d’Italia attraverso i vini che produciamo, l’enoturismo e soprattutto quella cultura dell’ospitalità che da sempre ci contraddistingue. Il 2021, sulla scia dell’anno passato, non sarà probabilmente un anno facile, ma abbiamo deciso di puntare in alto e di dare un segnale: la famiglia Tommasi c’è e grazie al lavoro appassionato delle donne e degli uomini nelle nostre tenute ed è pronta a presentare novità entusiasmanti. Oltre al nuovo Lugana 2020, sono in arrivo infatti Le Fornaci Rosé, un vino esclusivo, intrigante, dal bouquet floreale e dal sorso vibrante e, nei prossimi mesi, Le Fornaci Lugana Riserva 2018: un vino che esprime l’esaltazione della massima espressione del lago di Garda, la nostra idea di perfetta unione tra vitigno e territorio». 

Le Fornaci Rosé è un blend che nasce dall’incontro fra i vitigni autoctoni Turbiana (90 %) e Rondinella (10%) e rappresenta una particolare interpretazione del terroir, l’incontro ideale tra le due sponde del lago: la Turbiana proveniente da Tenuta Le Fornaci, alle porte di Sirmione, e la Rondinella da un vigneto di proprietà, sito a Peschiera del Garda. La particolare colorazione del vino è il risultato di un meticoloso lavoro, dall’attenta selezione delle uve alla maniacale cura durante le fasi di pressatura e vinificazione. Il colore tenue, i cui riflessi ricordano petali di rosa, introduce il ricco bouquet: fragrante e fine, con aromi di pompelmo rosa, fiori di pesco, cenni minerali e buccia di mandarino. Maturato in acciaio, Le Fornaci Rosé regala un sorso fresco, fragrante e sottile, con una vibrante acidità che riporta note di scorze di agrumi, e finale persistente ed armonico. Il rosato racchiude nella sua complessità la filosofia della famiglia Tommasi, che promuove la produzione di qualità, attraverso l’innovazione tecnologica nel rispetto dell’ambiente e della grande tradizione vitivinicola del territorio. 

Servito fresco, Le Fornaci Rosé è perfetto per l’aperitivo e in abbinamento a delicati antipasti. Si esalta con i secondi piatti di pesce o i piatti della cucina orientale. Ideale per accompagnare la pizza e con una versatilità che lo rende un vino per ogni occasione. 

Le Fornaci Lugana DOC Riserva 2018 sarà pronto entro la fine dell’estate, prodotto da una selezione manuale delle uve più importanti che daranno un grande vino, intenso e complesso. Dopo la fermentazione in acciaio, il 25% della produzione riposa in botti di legno francese da 500 litri e il 75% in acciaio, entrambe per 18 mesi. Seguono l’assemblaggio e il riposo in bottiglia per almeno 6 mesi. 

Il progetto Le Fornaci Lugana non si ferma ed è pronto ad emozionare ancora con i nuovi vini firmati Tommasi. 


Volata in Valpolicella #4 tappa - Valle di Sant'Ambrogio

La quarta tappa di Volata in Valpolicella, ideata dal campione Damiano Cunego, ci porta alla scoperta delle colline della Valle di Sant’Ambrogio assieme all’enologo Giancarlo Tommasi per degustare i piatti della Trattoria dalla Rosa Alda  in abbinamento al nostro Tommasi Amarone della Valpolicella Classico Docg.

PERCORSO

Ottieni il percorso su Strava
Scarica la prima tappa GPX o TCX

 

In questa quarta tappa proposta da Damiano Cunego, si parte verso Castelrotto per un veloce riscaldamento, prima di scendere a Sant’Ambrogio per imboccare la prima asperità di giornata: la salita di San Giorgio Ingannapoltron.
Dopo aver scollinato a Mazzurega, segue la discesa verso Fumane e in successione si affrontano la salita della Pendola e della Masua. Si rientra a Pedemonte passando dal centro abitato di Negrar.

Il percorso copre circa 50 km con un dislivello di 920 m. Vale sempre la regola di godersi il percorso ed i panorami che si aprono lungo la pedalata.

Nel cuore della zona classica dei grandi vini della Valpolicella, c’è un luogo di ristoro e riposo di grande tradizione, la Trattoria Dalla Rosa Alda. La famiglia Dalla Rosa si dedica al mestiere della ristorazione e mescita dal 1853. Da allora e sempre accolgo amanti della buona cucina e del buon vino nel villaggio di San Giorgio di Valpolicella, nel Comune di Sant’Ambrogio, ai piedi del Monte Solane, a mezza via tra la città di Verona e il Lago di Garda. San Giorgio fa parte del club dei Borghi più belli d’Italia.

Le Polpettine di carne ed erbe selvatiche cotte sul fogolar sono il piatto proposto in degustazione con il nostro Amarone della Valpoicella Classico docg. Potete ritrovare le Polpettine nel loro menù di primavera del ristorante e se volete testare la vostra abilità trovate a questo link la ricetta. Buon Appetito!


Volata in Valpolicella #3 tappa - Valle di Marano

La terza tappa di Volata in Valpolicella ideata dal campione Damiano Cunego ci porta alla scoperta delle colline della Valle di Marano e a degustare i piatti dell’Antica Osteria Paverno  in abbinamento al nostro Tommasi Ripasso Valpolicella Classico Superiore Doc. 

PERCORSO

Ottieni il percorso su Strava
Scarica la prima tappa GPX o TCX

Questo terzo percorso proposto da Damiano Cunego

Antica Osteria Paverno è uno storico locale (“ostaria”) nel cuore della Valpolicella classica.  L’osteria, a conduzione familiare, si caratterizza per uno stile rustico e tradizionale. La cucina propone piatti tipici veronesi legati alla tradizione e al territorio realizzati con prodotti selezionati e di qualità che variano in base alle stagioni.

Uno tra tutti, scelto per questa tappa, sono i Tortelli al Monte Veronese di Malga, Pero Misso della Lessinia e ricotta affumicata. Per creare la ricetta comodamente a casa puoi scaricarla qui.