Great reviews by Vinous

Vinous released the report on Valpolicella wines by Eric Guido.

Vinous is Antonio Galloni’s vision of a modern-day wine publication. Vinous’s team of renowned critics and writers offers in depth coverage of new releases, retrospectives and verticals of older wines.
Today Vinous has subscribers in over 100 countries and is one of the most respected wine publications in the world.

We are happy and proud to share the great accolades deserved and what  Eric Guido wrote about us:

Tommasi winery oversees 242 hectares of vineyards, of which 115 fall within Valpolicella Classica, and yet for all of its size, the level of quality remains remarkably high. What’s more, the winemaking team, led by fourth-generation Giancarlo Tommasi, places the highest level of importance upon terroir, which they do an excellent job of communicating throughout the portfolio. In my opinion, the house Amarone remains a benchmark of traditionally styled wine from the region. However, you can still look to the Ca' Florian Riserva, which spends about a year of its refinement in barriques, if the extra hint of wood spice and tannin is your thing. Staying on the topic of Amarone, tasting the new De Buris Riserva really piqued my interest. Another attempt at a fresher style for the category, this new bottling from Tommasi comes from one of their highest-elevation parcels in the La Groletta vineyard in Sant'Ambrogio, which was planted in the 1970s and, as of 2020, has undergone full conversion to become certified organic. Another credit to the house is the importance they place on the Valpolicella Classico Superiore Rafael, produced from the first vineyard planted by Giacomo Tommasi, the winery’s founder. The Rafael vineyard remains trained with the original Pergola Veronese trellising system, which runs along its stone terraces, and while its soils of limestone and clay don’t yield especially long-lived wines, they do pack a lot of dark, savory character into the house Valpolicella.
Also of note is the brand’s continuing interest in the developing Lugana DOC and their 45 hectares there, which, according to CEO and export director Pierangelo Tommasi will soon expand beyond the regular bottling to include a Riserva and a Rosé. With all of this growth and development (let’s not forget that the family also has interests in Montalcino and the Maremma), one might worry that quality and consistency could suffer. However, from what I’ve seen, the future of Tommasi is in very capable hands.


AWARDS

93 | Tommasi Amarone della Valpolicella Classico docg 2016 
The 2016 Amarone della Valpolicella Classico is quite reserved and understated, but in a way that keeps you at the edge of the glass. Roses, blackberries, savory herbs and a hint of spiced citrus make for an alluring bouquet. It’s velvety in texture, ushering in a creamy wave of ripe red and black fruits, laced with salty minerals, as dark inner florals amass toward the close. There’s a lot of power here that is currently restrained, as this finishes youthfully structured and tense, with a saturating layer of dried black cherries to tempt the imagination with what's to come with a few years of cellaring. Also of note is the 2016’s 15% abv, making this a great option both on and away from the dinner table.

94 | Tommasi Ca' Florian Amarone della Valpolicella Classico docg Riserva 2012
The 2012 Amarone della Valpolicella Classico Riserva Ca' Florian holds nothing back, exploding from the glass with a massive wave of medicinal blackberries and cherries dipped in dark chocolate, complemented by autumnal and balsamic spices. It’s weighty and dense in the mouth, showing amazing concentration and persistence, as a more savory display of tart wild berries mixes with sour citrus. Throughout this heady display, a core of zesty acids maintains balance. You don’t feel it until the very end, but there’s a coating of fine wood tannin that is only revealed as the Ca' Florian’s glycerol-textured fruits slowly fade. Open the 2012 now for all of its upfront appeal, or cellar it to explore its unseen depths – either way, it’s quite a wine.

95 | De Buris Amarone della Valpolicella Classico doc Riserva 2009
The 2009 Amarone della Valpolicella Riserva De Buris shows the best of both sides of the Amarone spectrum. Savory raspberry and plum sauce are further complemented by notes of crushed stone and dusty florals. These aromas continue to gain in volume with time in the glass, as they are joined by a seductive display of rich brown spice and mocha. This is velvety in texture yet not weighty; in fact, it’s quite lifted and spry, with a core of concentrated red and black fruits that saturate all that they touch with a mineral tinge and then withdraw to reveal a note of sour citrus. There’s a subtle tug of tannin that lingers, doing a wonderful job of framing the expression, as this tapers off to a bitter twang of tart cherry and dark chocolate. The De Buris is a new cru Riserva from the highest elevations of Tommasi’s La Groletta vineyard, which hosts 30-year-old vines overlooking Lake Garda. It spends the first year of its refinement in Slavonian oak, followed by another five years in 15- to 30-hectoliter casks. This is only the second vintage for this wine, which has been a decade in the making.

91 | Tommasi Ripasso Valpolicella Classico Superiore doc 2017
The 2017 Valpolicella Classico Superiore Ripasso is deeply alluring with dusty purple-tinged florals, sweet spices and black currants. Here I’m finding silky, cool-toned textures, further accentuated by vibrant acids, as mineral-tinged wild berries and hints of lavender soothe the senses. There’s beautiful symmetry and persistence, coming across as powerful and dense yet remaining energetic, as dark fruits linger long. This is really quite beautiful and a great value in its category.

89 | Tommasi Rafaèl Valpolicella Classico Superiore doc 2018
The 2018 Valpolicella Classico Superiore Rafael is zesty and wildly fresh, lifting up with floral-laced bright cherries contrasted by exotic brown spice. It’s soft in texture, giving way to a pure expression of violet-tinged red and blue fruits, with brisk acids and salty minerals building tension toward the close. There’s no shortage of energy here, as the 2018 Rafael tapers off to echoes of dried berries and dark inner florals.

89 | Le Fornaci Lugana doc 2019
The 2019 Lugana Le Fornaci lifts up with a honeyed richness, displaying sweet white flowers, ripe apple, lemon confit and nuances of almond paste. It boasts oily textures, ripe orchard fruits and sweet herbal tones, offset by cooling acids and minerals. The finish is long and remarkably pretty, tapering off to hazelnut and savory spice.

 


Crearo when autoctone becomes international

An iconic wine that epitomize the encounter between the tradition of Valpolicella and the creativity of the oenologist Giancarlo Tommasi.
Crearo della Conca d’Oro combines in fact the indigenous Corvina and Oseleta grapes with Cabernet Franc, a completely new and unusual blend for Valpolicella Classica.
Crearo is a wine designed outside the box, to enhance our terroir; a wine that represents a transversal and modern style.

Crearo is a blend of Corvina, Oseleta and Cabernet Franc; the grapes are selected in the prestigious cru Conca d’Oro, in the Valpolicella Classica region, where the Tommasi family owns 9 hectares.
After a maceration for 15 days at a controlled temperature of 21-23 °C, the refinement continues for 6 months in a 500 liter French oak tonneau and a further 12 months in 65 hl Slavonian oak barrels; the wine then rests in the bottle for six months.
Brilliant, deep ruby red in color, it offers a rich bouquet of delicately herbaceous, fruity and spicy aromas, with notes of violets, ripe cherries, tobacco and vanilla. It is full-bodied on the palate, with evident but velvety tannins and a spicy tanginess which gives it excellent and attractive length.

«Crearo is a wine that Giancarlo, the family oenologist, and I thought to make together when we were taking a walk on the Conca d’Oro hill in the Valpolicella Classica way back in 1997. We decided to have Cabernet Franc grape planted in this cru vineyard. We thus created a completely new and unusual blend for Valpolicella, but which has proved to be a winning choice for the qualities of this international blend that goes well with the characteristics of native grapes. Crearo is a wine that was thought up “outside the box”, to exalt our terroir; a wine that represents a transversal and modern style. » Pierangelo Tommasi


Crearo, quando l'internazionale si fa autoctono

Un vino simbolo dell’incontro tra la tradizione della Valpolicella e la creatività dell’enologo Giancarlo Tommasi.

Il Crearo della Conca d’Oro unisce infatti le uve autoctone Corvina e Oseleta al Cabernet Franc, un blend del tutto nuovo ed inconsueto per la Valpolicella Classica.
Il Crearo è un vino pensato fuori dagli schemi, per esaltare il nostro terroir; un vino che rappresenta uno stile trasversale e moderno.

Il Crearo è un blend di Corvina, Oseleta e Cabernet Franc; le uve sono selezionate nel prestigioso cru Conca d’Oro, nella Valpolicella Classica, dove la famiglia Tommasi possiede 9 ettari.

Dopo una macerazione per 15 giorni a temperatura controllata di 21-23°C, l’affinamento prosegue per 6 mesi in tonneau di rovere francese da 500 litri ed ulteriori 12 mesi in botti di Rovere di Slavonia da 65 hl; il vino riposa poi in bottiglia per sei mesi. Rosso rubino intenso e luminoso, offre un ricco bouquet di sentori delicatamente erbacei, fruttati e speziati, con note di viola, ciliegia matura, tabacco e vaniglia. Al palato è pieno e corposo, con tannini ben presenti e vellutati e una speziata sapidità che dona una gradevolissima e ottima persistenza.

« Il Crearo è un vino che abbiamo pensato sulla collina della Conca d’Oro in Valpolicella Classica nel 1997 e abbiamo deciso di impiantare anche del Cabernet Franc. Un uvaggio del tutto nuovo ed inconsueto per la Valpolicella, ma che si è dimostrata una scelta vincente per le qualità di questo uvaggio internazionale che ben si sposa con le caratteristiche delle uve autoctone. Il Crearo è un vino pensato fuori dagli schemi, per esaltare il nostro terroir; un vino che rappresenta uno stile trasversale e moderno». - Giancarlo Tommasi, enologo


IL ROSSO D’ESTATE È DI MODA

Vino rosso d’estate si può.
Ecco cinque vini rossi che possono accompagnare le fresche serate con gli amici

Quando si parla di vino ci sono molti miti da sfatare e anche molti tabù da sdoganare.
Sulle tavole dei ristoranti capita sempre più spesso infatti che le inflessibilità in fatto di vino e della sua “temperatura ambiente” vengano mitigate a favore di nuove tendenze, più aperte e moderne. E se d’estate c’è bisogno  di un vino fresco, appagante e profumato, anche un vino rosso rinfrescato può rispondere a questi requisiti.
La regola nuova è che non c’è una vera e propria regola e il vino è sempre meno snob.
Ma come mai è ancora così difficile immaginarsi di sorseggiare un bel bicchiere di vino rosso a bordo piscina, in una fresca sera d’estate?

La risposta sta nella chimica. La verità è che il problema principale legato a  questa percezione sono i tannini, ovvero i composti polifenolici presenti nel raspo, nei vinaccioli e nella buccia dell’uva. Sono i tannini infatti che causano l’astringenza, la tipica sensazione ruvida e di secchezza lasciata sul palato e sulle gengive: questa sensazione è dovuta dall’interazione dei tannini con la saliva. Essi si legano alle proteine della saliva facendole perdere il suo agente lubrificante e se, a temperature alte, questa sensazione astringente si addolcisce -aumentando però quella alcolica- a temperature basse invece si verifica il contrario.
L’unico modo per superare questo problema è scegliere dei vini rossi, di buon corpo, poco tannici e con una gradazione alcolica bassa.
Ecco allora per i fedeli del rosso alcune etichette perfette anche per l'estate e  per un dopo cena in completo relax.
Dal Casisano Brunello al Tommasi Ripasso, vi presentiamo cinque vini rossi che non solo sfoggiano un sorso agile con il loro stile fruttatoma che non temono neanche di essere refrigerati.
Group of friends gathered around a table in a garden on a summer evening to share a meal and have a good time together
Il primo rosso estivo da bere con gli amici è un vino del sud. Siamo in Basilicata con il Paternoster Synthesi Aglianico del Vulture. La vivacità del suo rosso rubino brilla di freschezza e presenta un fragrante bouquet fruttato di mora, mirtillo, bacche di sottobosco e pepe. Al palato è asciutto e vellutato, lascia armonia e persistenza gustativa. Uve Aglianico del Vulture 100% e gradazione alcolica del 13%. Lo snob del vino vi direbbe che la temperatura ideale del Synthesi è 16° gradi e che sotto i 12° si può scoprire che alcuni aromi e sapori scompaiono e i tannini schioccano, ma non abbiate paura di berlo più fresco. Vi stupirà positivamente e vi pentirete di non averlo fatto prima.
Il secondo rosso amico dell’estate è il vino simbolo di Poggio al Tufo Rompicollo Rosso Toscana, prodotto nella Maremma. Un blend di Sangiovese 60% e Cabernet Sauvignon 40% dai tratti raffinati e caldi che affascina per vivacità ed eleganza. Il colore rosso rubino intenso e vivace colpisce l’occhio, ma è sempre il naso che incanta quando si assaggia questo vino che presenta un elegante e variegato bouquet di piccoli frutti rossi maturi come more e lamponi, erbe balsamiche essiccate e delicate spezie dolci. Al gusto è rotondo, pieno e avvolgente e con tannini vellutati. Di buon corpo, il Rompicollo mostra un’ottima scorrevolezza al palato anche servito a temperature più basse.
Corposo e armonico, Surani Heracles Primitivo di Manduria rappresenta una delle eccellenze della produzione vitivinicola pugliese. Il bicchiere si tinge di un rosso rubino intenso e ad un primo olfatto mostra subito un’affascinante complessità: dal floreale di viola, al ricco fruttato di amarena, ciliegia nera e fragola, su un fondo di note balsamiche, di liquirizia ed erbe aromatiche. Al gusto è corposo, ampio e conquista con dei tannini leggiadri e rifiniti e un finale vivace, sostenuto da una piacevole freschezza che attraversa la bocca come la danza di una farfalla.
Se questi tre vini possono essere serviti a temperature più basse di quelle, a cui di solito siamo abituati a degustare un vino rosso, dimostrando che è in atto un cambiamento importante nel suo ‘galateo’, ci sono anche i ‘vini da relax’, quelli che semplicemente si accordano perfettamente alla voglia di stare insieme in una serata all’aperto, quando fuori ci sono i grilli che friniscono lontani, qualche lucciola fa capolino sulla veranda e capita di accoccolarsi piacevolmente su una sedia in vimini.
Questi vini d’accompagnamento sono due vini di particolare eleganza che non vanno bevuti freddi, ma allietano le serate estive:
il Casisano Brunello di Montalcino 2015 e il Tommasi Ripasso Valpolicella Classico Superiore.
Il primo, ottenuto da uve 100% Sangiovese grosso, dal colore rubino profondo, si apre all’olfatto con un’elegante e fresca complessità delle note fruttate e speziate tipiche del Sangiovese.
Quando si beve il Ripasso, invece, un nettare dal colore rosso rubino intenso e luminoso scivola nel palato e ciliegie mature invadono gioiosamente il naso, raggiunto da un profumo intensamente speziato, a riprova del fatto che i vini rossi sanno raccontare l’estate in modo unico e che le serate con gli amici sono belle, ma davanti a un buon bicchiere lo sono ancora di più.


Obiettivo: Italia

Obiettivo: Italia

Prima dell’inizio dell’emergenza Covid, nei mesi di gennaio e febbraio 2020, i risultati di mercato fatti registrare dai nostri vini indicavano un andamento positivo, che stava consolidando gli ottimi traguardi raggiunti nel 2019.
In crescita sia in volumi sia in valore l'Amarone della Valpolicella Classico docg, grazie anche alle vendite di De Buris Amarone della Valpolicella Classico Riserva doc e Ca’ Florian Amarone della Valpolicella Classico docg Riserva; il Ripasso Valpolicella Classico Superiore doc si conferma come best selling; molto bene per Le Fornaci Lugana doc, che ha dato ottimi un risultati in termini di soddisfazione per la qualità del prodotto e anche in numero di bottiglie vendute ( nel 2019 abbiamo messo in produzione più ettari rispetto all’anno precedente); a ciò si aggiunge anche il uno dei grandi classici di famiglia: il Rafaèl Valpolicella Classico Superiore doc, che con l'Amarone ed il Ripasso è uno dei vini più richiesti e riconosciuti in tutto il mondo, in particolare nel mercato statunitense.
4P3A6500
Nei primi due mesi del 2020 si stavano confermando dati positivi in linea con lo stesso periodo del 2019, dopodiché siamo entrati nella prima fase Covid, quella dell’emergenza socio-sanitaria, che ha bloccato buona parte dell’operatività commerciale.
A livello generale nazionale il settore beverage denuncia nel post Covid un calo a valore intorno al 10%.  Nel mondo del vino le riduzioni più significative riguardano in particolare le vendite verso il canale Ho.Re.Ca. ( che assorbe circa il 30% del vino venduto a volume e il 50% a valore), registrando a fine maggio perdite di 350 milioni di euro al mese. La proiezione di perdite per l’anno 2020 indica quindi una cifra che oscilla fra i 3 e i 4 miliardi di euro. Le perdite sono più significative per le aziende che vivono quasi esclusivamente sull’Ho.Re.Ca (dove si arriva anche a superare il 75% di riduzione), mentre è di circa il 20% il calo per chi lavora in modo più paritetico anche con la grande distribuzione o con altri canali di distribuzione come nel nostro caso.
Consapevoli di questo scenario, come Tommasi Family Estates non siamo stati fermi ed abbiamo attivato subito alcune contromisure, soprattutto per mantenere vivo il dialogo con i clienti.
webinar Tommasi - Piergiorgio Tommasi (002)
Grazie all’aiuto della nostra rete agenti, abbiamo organizzato tre giornate di webinar dedicate al mercato italiano e raccolto le adesioni di 100 clienti Ho.Re.Ca.
Durante queste masterclass online abbiamo degustato insieme le nuove annate dei nostri vini ed in particolare il nostro Lugana Le Fornaci, di cui avevamo precedentemente spedito i campioni ad ognuno dei referenti. Da sottolineare che si tratta di vini, che avremmo comunque promosso alla mescita in questa stagione.
I webinar si sono rivelati ottime occasioni per rimanere in contatto con i clienti, scambiare con loro opinioni e consigli, anche su possibili abbinamenti con i piatti da loro proposti.
Abbiamo avuto modo di confrontarci anche sulle prospettive per la ripartenza. Alcuni di loro si sono organizzati con il servizio delivery, e non si sono praticamente mai fermati;
altri, avendo più locali, stanno valutando di destinarne uno alla ristorazione e l’altro al solo servizio da asporto.
Dal mese di maggio siamo entrati in una fase di rilancio dell’attività commerciale, anche nelle forme tradizionali, che sta dando buoni frutti.
Questo, sempre e naturalmente con la consapevolezza che la situazione è ancora in piena evoluzione.
Lo confermano le testimonianze che ci provengono dalla stessa nostra rete commerciale.
A questo proposito, due importanti testimonianze che fotografano alcune situazioni territoriali e di target.

Luca Visentin:
«Io seguo la provincia di Grosseto, dove stanno pian piano aprendo le strutture balneari, sanificate come da indicazioni governative. Per noi, quindi, prende ora il via un periodo che prevede aumento delle presenze e consumi sostenuti, per lo meno a livello di volumi. Il valore medio delle bottiglie invece sarà probabilmente più contenuto rispetto agli altri anni: avremo un bel consumo di prodotti come il Lugana o la Valpolicella Classico, perfetti alla mescita e con un’ottima qualità prezzo. I ristoratori stessi probabilmente prediligeranno questo tipo di selezione, per ripartire con vini più importanti da settembre. Sarà quello il momento di Ripasso e Amarone che saranno anche più pronti, avendo affrontato un più lungo periodo di affinamento in bottiglia»
 Fabio Citterio:
«Rappresento l’azienda Tommasi da 30 anni nelle province di Como e Lecco. In queste zone ho visto le prime riaperture subito dopo il 18 maggio. Nelle strutture che ho visitato ho notato buoni segnali di ripresa. Credo che in questa situazione riusciranno a lavorare quei locali che danno molta importanza alla sanificazione degli ambienti e all’attenzione per i propri dipendenti; soprattutto quei locali che dispongono di spazi all’aperto e che dedicano grande cura alla pulizia generale di ogni ambiente. Sono gli stessi locali che negli anni hanno sempre mantenuto uno standard qualitativo alto, dove il prezzo medio è piuttosto sostenuto, ma giustificato da un servizio impeccabile. Ne gioveranno quindi anche vini dal prezzo medio più alto, come Ripasso e Amarone, di quei produttori, come Tommasi, anch’essi noti per la cura degli ambienti e dei prodotti»
 

La Valpolicella Classica in tre grandi vini, firmati Tommasi
Sono tre i grandi vini identitari di Tommasi che raccontano la Valpolicella e la storia di una famiglia che ha dedicato tutta sé stessa al concetto di terroir.

Le colline che corrono a nord ovest di Verona fanno da scrigno a tre etichette tra le più apprezzate di Tommasi Family Estates.
Amarone, Ripasso e Rafaèl Valpolicella sono i prodotti su cui puntare nel prossimo periodo e da proporre sia per le carte vini dei menù delivery o da asporto; da suggerire per la carta vini o per avere al calice dei grandi classici, che sapranno soddisfare tutti i palati, anche i più esigenti.
4P3A6362
Amarone
della Valpolicella Classico docg

Uve: Corvina Veronese 50%, Corvinone 15%, Rondinella 30%, Oseleta 5%, provenienti dai vigneti La Groletta e Conca d'Oro situati nella zona classico-storica della Valpolicella.
Alcol 15 % by vol. Temperatura di servizio 18° C.

Un nome di fama internazionale per un vino maestoso, di straordinario vigore e sostanza, ottenuto grazie all’appassimento delle uve per tre mesi nel fruttaio e a un affinamento di tre anni in botti di rovere di Slavonia da 35 ettolitri.
È così che l’Amarone Classico DOCG di Tommasi acquisisce un colore rosso rubino intenso, con riflessi porpora, mostrando tutta la sua intensità e finezza, sprigionando sentori di ciliegia matura e prugna. Dal carattere complesso e vellutato, al palato risulta pieno e corposo, con tipiche sfumature di uva appassita, offrendo un abbinamento ideale per carni rosse, selvaggina e formaggi stagionati.
Ripasso
Valpolicella Classico Superiore DOC

Uve: Corvina 70%, Rondinella 25% e Corvinone 5%, provenienti da vigneti dei Cru Conca d’oro e La Groletta, nella zona collinare della Valpolicella Classica.
Alcol 13% by vol. Temperatura di servizio: 16-18°C.
Con il Ripasso è il frutto dell’esperienza e di un metodo preciso di ripassare la migliore selezione del Valpolicella sulle vinacce dell’Amarone, aggiungendo nobiltà a nobiltà, impreziosendone gli aromi, irrobustendone corpo, amplificandone la complessità.
Un lungo, accurato processo che prevede la fermentazione in botti di acciaio per circa quindici giorni, rifermentazione sulle vinacce dell’Amarone per circa 12/13 giorni, affinamento di almeno diciotto mesi in botti di rovere di Slavonia da 65 ettolitri. E, infine, una sosta di sei mesi in bottiglia.
Il Ripasso si presenta con un colore rosso rubino intenso e luminoso, ricco al naso e intensamente speziato, su cui affiorano note di ciliegia matura, confettura, tabacco, pepe nero. Al palato è elegante e corposo, con tannini morbidi, setosi e grande persistenza.
La spiccata personalità del Ripasso si esalta nell’abbinamento di piatti della cucina di terra, in particolare con bolliti, brasati, carni rosse alla griglia.
Rafaèl
Valpolicella Classico Superiore DOC

Uve:  Corvina 60%, Rondinella 25% e Molinara 15%, colte nell’omonimo vigneto.
Alcol: 12,5% by vol. Temperatura di servizio: 14-16°C.

In questo vino, che prende nome dall’omonimo vigneto, allevato a pergola veronese, c’è molto della storia di famiglia, è infatti il primo vigneto impiantato dal fondatore Giacomo Tommasi. Un vino che si fa notare per l’eleganza e la grazia, le cui uve sono sottoposte a macerazione e fermentazione per dodici giorni e affinate quindici mesi in botti di rovere di Slavonia da 65 ettolitri. Il risultato è un rosso rubino brillante, con intensi toni floreali e fruttati, che mettono in evidenza la ciliegia matura. Sottile e vellutato al palato, convince per la gustosa e persistente freschezza del frutto.
Pieno di carattere e vivace, Rafaèl descrive l’animo veneto, le sue radici agricole e raffinate.

Per tutti questi motivi, mostra la sua natura versatile in grado di abbinarsi ai primi piatti, ai sughi corposi, arrosti e carni bianche, ai formaggi di media stagionatura, ben figurando anche con i piatti speziati della cucina orientale e le zuppe di pesce.