Paternoster Don Anselmo 2015

Paternoster Don Anslemo 2015 ha meritato ottime recensioni e premi dalle migliori testata nazionali ed internazionali:
95 - Robert Parker Wine Advocate
L'Aglianico del Vulture 2015 Don Anselmo è fatto con la selezione delle uve provenienti da un singolo vigneto di 4,5 ettari situato a 600 metri sul livello del mare. I terreni sono composti da cenere compressa e roccia spugnosa vulcanica frantumata. Il vino si apre con aromi di frutta sapida che sono meditabondi e densi. Gli aromi di fondo di catrame, fumo e cenere di sigaro conferiscono al vino dimensione e complessità. Il vino è stretto in termini di consistenza e tannini e potrebbe impiegare qualche altro anno di affinamento in bottiglia prima di aprirsi del tutto. La vendemmia è stata fatta tra il 23 e 24 ottobre 2015. Don Anselmo è fermentato in parti uguali in acciaio e botte di rovere. Successivamente affina in legno per 20 mesi, seguito da altri sei mesi in acciaio (che ha sostituito i vecchi tini di cemento). L'annata 2015 è disponibile nel mercato ora.
93 - James Suckling
Questo è un rosso delizioso ed esotico con aromi e sapori di chiodi di garofano, foglie di tè e frutta matura. Corpo pieno, tannini morbidi e un finale lungo e saporito. Anice che arriva alla fine. Finale delizioso. Da bere ora.
94 - Wine and Spirits
La famiglia Paternoster produce circa 150.000 bottiglie all'anno dai loro 50 acri di vigneto sulle pendici del Monte Vulture in Basilicata. Don Anselmo è il loro vino migliore, ottenuto dalle viti più antiche della tenuta, che cresce in terreni vulcanici a 2000 piedi di altezza. È denso e formidabilmente tannico, con sapori di prugna e lampone infusi con note di grafite e tabacco. L'acidità vivace bilancia la ricchezza fumosa del vino, mantenendo la struttura agile.
3 Bicchieri - Gambero Rosso
95 Faccino - Doctor Wine
5 Grappoli - Bibenda
Scarica QUI la lista completa dei premi del Paternoster Don Anslemo Aglianico del Vulture doc 2015.


Paternoster Don Anselmo sempre al TOP

Ottime recensioni dalle riviste d'oltreoceano Wine Spectator and Wine&Spirits per 

Paternoster Don Anslemo Aglianico del Vulture 2013

92 Wine Spectator

Armonioso e con un buon corpo,  presenta un fresco aroma mineralità con sentori affumicati che esaltano i sapori di gelso e lampone nero.
Sottili accenti di tè Earl Grey e liquirizia si soffermano sul finale deciso e concentrato.- Sept. 30, 2018 Alison Napjus

93 Wine & Spirits

Il fiore all'occhiello di Paternoster proviene da parcelle a bassa resa su terreni vulcanici a 600 mt. sul livello del mare. Le fresche brezze a questa quota preservano l'acidità del frutto e promuovono i profumi sfumati di petali di rosa e erbe selvatiche. I tannini sono abbondanti ma fini, levigati da 20 mesi di affinamento in botti, metà barrique e metà botti di Slavonia.
Una nota di ferro si avverte attraverso i freschi sapori di prugna rossa, la sua freschezza si fonde con le note di spezie nere per un finale lungo e sospeso.

Wine Spectator ha pubblicato anche:

90 Paternoster Rotondo Aglianico del Vulture, 2013

Note di moka e anice ornano il gelso tritato e il frutto di ciliegia di questo rosso fresco ed equilibrato,
di medio corpo, sottolineato da un sottile sentore di fumo aromatico e tannini felpati.
- Sept. 30, 2018 Alison Napjus

89 Paternoster Vulcanico Falanghina 2017

Le note di gelsomino e speziato sono una voce aromatica per questo bianco corposo e cremoso, che offre un sottile palato di melone, litchi e sapori di pesca nettarina,
con un pizzico di salina minerale sul finale.- 30 settembre 2018 Alison Napjus