Casisano Brunello on the top spot of the podium for Gazzetta dello Sport

Montalcino and outstanding cycling share some history, a history of legendary stages, known here as “tappe”. The Giro d’Italia is an annual multiple-stage professional cycling race first organized in 1909. The XI stage of 2021 Giro d’Italia ends in Montalcino.
For the occasion, La Gazzetta dello Sport , the most popular and read Italian sport newspaper, has dedicated a full page to Montalcino and its red wine Brunello and selected Casisano Brunello di Montalcino 2016  among the 6 best 2016 vintage.

“2016 vintage in Montalcino is undeniably one of the best vintages for great Tuscan terroir. Since 2015 I am the oenologist of Casisano,  one of the most evocative corners of the appellation, almost 20 hectares in the south-east side lying at almost 500 meters above sea level. Brunello di Montalcino 2016 is the pure expression of this terroir: a Brunello expressing elegance, energy and freshness, the right reflection of Casisano land have decided was right. ” Emiliano Falsini – Casisano winemaker

A prestigious accolade added to the great reviews of the most importante international wine critics

Wine Spectator 93/100
Vinous 93/100
James Suckling 94/100
Falstaff 94/100

Download HERE the Casisano Brunello 2016 awards full list.

In occasion of Giro d’Italia Rai News 24  has interviewed Maurizio Giannetti, Casisano’s agronomist.

 

Follow us on Instagram @casisano and retrace the histrory of great cycling in Montalcino  #casisanotales

#giroditalia2021 #stradebianche #ciclismo


Casisano Brunello sul podio della Gazzetta dello Sport

Il Giro d’Italia incontra il Brunello di Montalcino, tra i filari dei vigneti, sulle strade bianche del ciclismo eroico d’altri tempi.
Oggi per celebrare l’ XI tappa del Giro, La Gazzetta dello Sport dedica un servizio al Brunello di Montalcino e seleziona le migliori cantine.
Casisano Brunello di Montalcino 2016 non poteva mancare tra le 6 etichette selezionate nella categoria ‘miglior annata 2016‘.

“L’annata 2016 a Montalcino è in maniera inconfutabile una delle migliori annate per questo grande territorio toscano. Dal 2015 ho il piacere di collaborare con la famiglia @tommasiwine al progetto @casisano in uno degli angoli più suggestivi della denominazione, quasi 20 ettari nel versante sud-est adagiati a quasi 500 metri di altitudine. Il Brunello di Montalcino 2016 è pura espressione di questo terroir: un Brunello fatto di eleganza, energia e freschezza, ciò che l’annata e il territorio di Casisano hanno deciso fosse giusto.” Emiliano Falsini – Enologo Casisano

Un prestigioso riconoscimento, che va a sommarsi ai premi delle guide vitivinicole internazionali più prestigiose:

Wine Spectator 93/100
Vinous 93/100
James Suckling 94/100
Falstaff 94/100

Scarica tutti i premi qui 

Anche Rai News 24 oggi ci ha dedicato un’intervista con la giornalista Laura Tangherlini, in occasione del Giro d’Italia, intervistando Maurizio Giannetti, agronomo di Casisano.

 

Seguici su Instagram @casisano e ripercorri la storia del grande ciclismo a Montalcino su  #casisanotales

#giroditalia2021 #stradebianche #ciclismo


Volata in Valpolicella #2 Tappa - Valle di Fumane

La seconda tappa ideata dal campione Damiano Cunego ci porta alla scoperta delle colline di Fumane e a degustare i piatti della storica Enoteca della Valpolicella di Fumane in abbinamento al nostro Tommasi Ripasso Valpolicella Classico Superiore Doc. 

PERCORSO

Ottieni il percorso su Strava
Scarica la prima tappa GPX o TCX

Questo secondo percorso proposto da Damiano Cunego parte docile verso Verona e poi imbocca la ciclabile in direzione Bussolengo e Pescantina fino alla Sega di Cavaion Veronese. È questa la prima ansa dell’Adige che racchiude la Valpolicella Classica.
Da Sega si torna verso Sant’Ambrogio di Valpolicella e da qui inizia finalmente la salita che porta a Monte e poi all’apice della valle di Fumane a Cavalo di Fumane. Da qui poi si scende fino al centro del paese e si rientra a Pedemonte passando per San Pietro in Cariano.

Il percorso copre circa 65 km con un dislivello di 810 m. Vale sempre la regola di godersi il percorso ed i panorami che si aprono lungo la pedalata.

Enoteca della Valpolicella è uno dei ristoranti storici della Valpolicella Classica, una meta obbligata per tutti gli appassionati. Un luogo speciale dove la storia dei sapori è una base su cui costruire.
I piatti nascono dall’amore per la terra,  ma non si fermano alla ripetizione delle ricette tradizionali: ogni piatto è un’invenzione unica, come il Risotto al Recioto, di cui puoi scaricare QUI la ricetta originale.


Volata in Valpolicella #1 Tappa - Valle di Negrar

La prima tappa ideata dal campione Damiano Cunego ci porta alla scoperta delle colline di Negrar e a degustare i piatti della Trattoria Caprini di Torbe in abbinamento al nostro Tommasi Amarone della Valpolicella Classico docg.

PERCORSO

Ottieni il percorso su Strava
Scarica la prima tappa GPX o TCX

 

Si parte con un piccolo riscaldamento tra le colline di San Pietro in Cariano, per poi salire verso Montecchio e scendere a Quinzano, prima di imboccare la ciclabile lungo l’Adige verso Pescantina.

Da qui una piccola pendenza verso Gargagnago e poi discesa passando per Fumane. Ultima sforzo la salita della Masua prima della fine del giro in cantina.

Il percorso copre circa 65 km con un dislivello di 925 m. Non c’è un tempo massimo di percorrenza, solo l’entusiasmo di godersi il percorso ed i panorami.

Per una sosta gourmet suggeriamo la Trattoria Caprini  a Torbe di Negrar: artigiani del gusto da 4 generazioni, la proposta gastronomica si lega ai valori veneti e alla storia del territorio, custodendo i sapori in un ambiente che profuma di casa e di famiglia, con una cucina autentica e un’ampia selezione di vini della Valpolicella.

Le Lasagnette col ragù della Pierina  sono il piatto da gustare. Rigorosamente fatte a mano come una volta accompagnate dal classico ragù di carne.

Se ti vuoi cimentare ecco di seguito la ricetta “segreta” per 4 persone


Volata in Valpolicella, in bici con Damiano Cunego nella terra dell’Amarone

Un vino storico, le ricette di quattro ristoranti e i percorsi ciclistici creati dal campione veronese per raccontare l’Amore per la patria dell’Amarone

 

Un’esperienza enoturistica nel cuore della Valpolicella, un viaggio alla scoperta di un territorio dall’antica tradizione enoica, impreziosito dagli imperdibili piatti della cucina locale e dai profumi inconfondibili dell’Amarone. È l’iniziativa che la famiglia Tommasi presenta in collaborazione con il campione veronese Damiano Cunego per raccontare l’amore ed il profondo legame con la Valpolicella.

 

«La Valpolicella Classica è un luogo unico – commenta Giancarlo Tommasi, enologo di Tommasi Family Estates – un posto dove tradizione e tecniche di lavoro ancestrali si fondono con l’innovazione tecnologica, in nome dello sviluppo sostenibile dell’economia del vino. L’amore, la cura e il rispetto per l’ambiente sono infatti i principi che ispirano questa nostra iniziativa, nata per promuovere l’enoturismo e permettere ai visitatori di scoprire paesaggi e sapori che appartengono da sempre a questi luoghi. La bicicletta diventa così il mezzo ideale per entrare in simbiosi con l’ambiente, in nome della piacevole lentezza che permette di gustare appieno il mondo che ci circonda. Il mio più sentito grazie va a Damiano Cunego e ai ristoratori che hanno sposato questa iniziativa, che spero possa incontrare anche il favore degli appassionati perché non c’è niente di meglio di una gita in uno splendido paesaggio, gustando un bicchiere di Amarone abbinato al piatto giusto.»

A partire dal 14 febbraio, per quattro settimane, turisti e appassionati avranno l’opportunità di pedalare virtualmente con il vincitore del Giro d’Italia lungo alcuni percorsi, che lo stesso Cunego ha creato per accompagnare i visitatori nello splendido paesaggio della Valpolicella Classica.

Un tour emozionale e gustativo durante il quale i cicloturisti potranno scoprire l’eleganza dell’Amarone Tommasi, in abbinamento ai piatti degli chef di quattro ristoranti del territorio. Ogni settimana, il blog di Tommasi racconterà con foto e video la Valpolicella Classica attraverso i piatti proposti dai ristoranti e i percorsi suggeriti da Damiano Cunego, di cui per tutti gli appassionati sarà possibile scaricare le tracce GPS, attraverso le app Garmin e Strava. Un tour in 4 tappe da 60/65 km ( 2 – 2.5 ore ) con partenza ed arrivo presso la sede di Tommasi a Pedemonte
Una “volata” dunque che parte dalla Valpolicella Classica, la terra dell’Amarone, ma che correrà per tutta la provincia veronese.

 

Prima tappa - Valle di Negrar
Percorso:tra le colline di Negrar, per scendere poi a Verona e lungo la ciclabile dell’Adige fino a Pescantina; risalita a Sant’Ambrogio, Gargagnago e Fumane ed infine ritorno a Pedemonte.

Ristorante:Trattoria Caprini- Torbe
Piatto e vino in degustazione: Lasagnette col ragù della Pierina con Tommasi Amarone della Valpolicella Classico docg 

Scopri di più qui

 

Seconda tappa - Valle di Fumane

Percorso: partenza verso Parona e imbocco della ciclabile lungo l’Adige fino a Sega di Cavaion. Direzione Sant’Ambrogio di Valpolicella, quindi salita a Monte per scollinare a Cavalo. Discesa verso la valle di Fumane e rientro in cantina da San Pietro in Cariano.

Ristorante: Enoteca della Valpolicella– Fumane
Piatto e vino in degustazione: Risotto al Vino Recioto della Valpolicella con Tommasi Ripasso Valpolicella Classico Superiore doc

Scopri di più qui

 

Terza tappa - Valle di Marano

Percorso: Si attraversa la vallata di Marano, salendo verso Santa Cristina nel comune di Sant’Anna d’Alfaedo in Lessinia, discesa verso Prun e quindi Negrar. Si sale poi Montecchio ed infine discesa passando per Avesa e quindi rientro in Valpolicella da Parona.

Ristorante: Antica Osteria Paverno - Marano
Piatto e vino in degustazione: Tortello col pero misso, Monte Veronese e ricotta affumicata con Tommasi Ripasso Valpolicella Classico Superiore doc

 

Quarta tappa – Valle di Sant'Ambrogio

Percorso: Partenza dalle colline di San Pietro in Cariano, passando per Castelrotto per poi proseguire verso Sant’Ambrogio. Si imbocca qui la salita che porta al borgo di San Giorgio Ingannapoltron e poi si sale ancora per scollinare a Mazzurega, rapida discesa a Fumane e poi due salite iconiche della Valpolicella “Pendola” e “Masua” prima di rientrare in cantina da Negrar.

Ristorante: Rosa Alda - San Giorgio di Valpolicella
Piatto e vino in degustazione: Polpettine di carne ed erbe selvatiche cotte sul fogolar e Polenta con Tommasi Amarone della Valpolicella Classico Superiore docg