Tommasi omaggia il Lago di Garda: il progetto Le Fornaci Lugana non si ferma

In arrivo due novità assolute che Tommasi presenta insieme al Lugana doc 2020:
Le Fornaci Rosé e, nei prossimi mesi, il Lugana doc Riserva 2018 

I filari di Tenuta Le Fornaci, una cornice unica, il Lago di Garda che diventa il perfetto connubio tra vitigni e territorio: la famiglia Tommasi è pronta ad arricchire il progetto Le Fornaci con la nuova annata di un grande classico della scuola vitivinicola veronese, il Lugana DOC 2020, e due novità assolute: Le Fornaci Rosé 2020 e Le Fornaci Lugana DOC Riserva 2018, che verrà presentato entro la fine dell’estate.

«Il Lugana è un vino elegante e intenso, che racchiude i profumi delicati e freschi del Lago di Garda – commenta Giancarlo Tommasi, enologo di Tommasi Family Estates –. È anche un vino storico, capace di esprimere le qualità di un territorio unico che la nostra famiglia, da generazioni, è impegnata a valorizzare. Il progetto Le Fornaci è nato proprio per questo, per rendere omaggio a paesaggi incredibili e a una regione vinicola tra le più vocate d’Italia attraverso i vini che produciamo, l’enoturismo e soprattutto quella cultura dell’ospitalità che da sempre ci contraddistingue. Il 2021, sulla scia dell’anno passato, non sarà probabilmente un anno facile, ma abbiamo deciso di puntare in alto e di dare un segnale: la famiglia Tommasi c’è e grazie al lavoro appassionato delle donne e degli uomini nelle nostre tenute ed è pronta a presentare novità entusiasmanti. Oltre al nuovo Lugana 2020, sono in arrivo infatti Le Fornaci Rosé, un vino esclusivo, intrigante, dal bouquet floreale e dal sorso vibrante e, nei prossimi mesi, Le Fornaci Lugana Riserva 2018: un vino che esprime l’esaltazione della massima espressione del lago di Garda, la nostra idea di perfetta unione tra vitigno e territorio». 

Le Fornaci Rosé è un blend che nasce dall’incontro fra i vitigni autoctoni Turbiana (90 %) e Rondinella (10%) e rappresenta una particolare interpretazione del terroir, l’incontro ideale tra le due sponde del lago: la Turbiana proveniente da Tenuta Le Fornaci, alle porte di Sirmione, e la Rondinella da un vigneto di proprietà, sito a Peschiera del Garda. La particolare colorazione del vino è il risultato di un meticoloso lavoro, dall’attenta selezione delle uve alla maniacale cura durante le fasi di pressatura e vinificazione. Il colore tenue, i cui riflessi ricordano petali di rosa, introduce il ricco bouquet: fragrante e fine, con aromi di pompelmo rosa, fiori di pesco, cenni minerali e buccia di mandarino. Maturato in acciaio, Le Fornaci Rosé regala un sorso fresco, fragrante e sottile, con una vibrante acidità che riporta note di scorze di agrumi, e finale persistente ed armonico. Il rosato racchiude nella sua complessità la filosofia della famiglia Tommasi, che promuove la produzione di qualità, attraverso l’innovazione tecnologica nel rispetto dell’ambiente e della grande tradizione vitivinicola del territorio. 

Servito fresco, Le Fornaci Rosé è perfetto per l’aperitivo e in abbinamento a delicati antipasti. Si esalta con i secondi piatti di pesce o i piatti della cucina orientale. Ideale per accompagnare la pizza e con una versatilità che lo rende un vino per ogni occasione. 

Le Fornaci Lugana DOC Riserva 2018 sarà pronto entro la fine dell’estate, prodotto da una selezione manuale delle uve più importanti che daranno un grande vino, intenso e complesso. Dopo la fermentazione in acciaio, il 25% della produzione riposa in botti di legno francese da 500 litri e il 75% in acciaio, entrambe per 18 mesi. Seguono l’assemblaggio e il riposo in bottiglia per almeno 6 mesi. 

Il progetto Le Fornaci Lugana non si ferma ed è pronto ad emozionare ancora con i nuovi vini firmati Tommasi. 


Amarone Classico 2010: a 10 anni dalla vendemmia

L’Amarone si sa, è un vero vino da invecchiamento.

Un Amarone nato dalle mani esperte di chi ha saputo lavorare bene in vigna e raccogliere uve eccezionali e che dopo un lento appassimento hanno prodotto un vino strepitoso. Sarà un’occasione per degustare un vino a 10 anni dalla sua vendemmia, dopo aver vissuto il tempo sulla sua pelle, nel passaggio tra la botte e quello finale, in bottiglia.

“Colore rubino brillante intenso, l’amarone 2010 è complesso al naso con aromi di frutta a bacca rossa, lamponi , more, ciliegie fresche e croccanti in aggiunta a note speziate e di liquirizia. Al palato, il vino mette in evidenza tannini dolci e rotondi, insieme a un buon equilibrio fra acidità e note minerali salate, che aggiungono lunghezza e persistenza al finale.” Giancarlo Tommasi – Enologo

Se vorrete venire a conoscerlo a partire dal 1 Dicembre, presso il nostro Wine Shop potrete trovare disponibile anche l’annata 2010, la prima con la Denominazione di Origine Controlla e Garantita.

Per informazioni contatta un Wine Specialist wine@tommasi.com o scrivi al 3209670514 dalle 10 alle 18

Le giornate si accorciano, il freddo inizia a fare capolino tra le città e i paesi, le strade iniziano timidamente a vestirsi di luci e simboli che evocano il Natale.
Le Arele, i graticci di bambù, sono gremite delle nostre uve: è il tempo della magia, è il tempo dell’Amarone.
Un vino nato forse quasi per caso, è oggi ambasciatore del vino dell’enologia e dell’eccellenza italiana nel mondo.
Le nostre uve Corvina, Corvinone, Rondinella e la piccola Oseleta, raccolte e selezionate a mano; 100 giorni di appassimento sulle Arele, la pressatura e infine 3 anni di botte grande di Rovere di Slavonia:
questo è l’Amarone della Valpolicella Classico Tommasi, questa è la nostra icona di tradizione, che si tramanda di padre in figlio dal 1959, quando è stata prodotta la prima bottiglia.

Avere più annate dello stesso vino da degustare è un vero colpo di fortuna: in quei sorsi si racchiude un tempo fisicamente passato, ma che diventa presente nel momento della degustazione.
Si trasmette l’esperienza dell’enologo, si mette alla prova la sua capacità di creare vini che raccontino il momento e siano in grado di continuare a raccontarlo anche dopo molti anni.
Per questo l’annata 2010 di Amarone è una splendida occasione per riscoprire e riscoprirci dopo 10 anni, come andare a trovare un vecchio amico che non hai visto da tanto tempo.
Quale momento migliore di questo Natale 2020?


Winesday - i mercoledi in cantina

Le nostre serate sono rinviate nel rispetto della linea guida del nuovo decreto ma la nostra cantina è aperta per wine tour, degustazioni e acquisti. Per informazioni e prenotazioni www.tommasiwinetours.com

Wednesday is the new Winesday!
5 mercoledì sera da trascorrere da Tommasi nella nuova Welcome Area dalle 18.30 alle 22.00, con musica, cibo e vino.

Il programma 

Tour in Cantina attraverso la bottaia Magnifica, la Galleria e la Cantina Storica.
Aperitivo con degustazione di due vini Tommasi abbinati a delle proposte gastronomiche esclusive.

Gli ospiti:
21 ottobre 2020 >  Bottega del Vino
Food: Pane alle erbe con caprino e ribes nero; Crostino, cotechino e tartufo nero; Punta di Parmigiano Reggiano e balsamico
Wine: Tommasi Le Fornaci Lugana Doc 2019, Casisano Brunello di Montalcino Docg 2015

28 ottobre 2020 > Imbottito de Le 4 Ciacole
Food: cicchetti Gourmet
Wine: Tommasi Crearo della Conca d’Oro Igt 2016, Paternoster Synthesi Aglianico del Vulture Doc 2016

4 novembre 2020 > Buns
Food: 2 mini burger con prodotti della Lessinia firmati Buns
Wine: Tommasi Ripasso Valpolicella Classico Superiore 2017, Poggio al Tufo Rompicollo Toscana Igt 2017

11 novembre 2020 > Yard
Food: una selezione dei migliori piatti del nuovo menu Yard
Wine: Tommasi Le Fornaci Lugana, Paternoster Falanghina

18 novembre 2020 > Saporé
Food:  Pizza DoppioCrunch® e Pizza tonda Margherita
Wine: Tommasi Rafaèl Valpolicella Classico Superiore, Surani Helios Negroamaro

€ 20 p.p. =  2 vini + cicchetti

 

Durante i Winesday potrete usufruire di uno sconto del 10% sui vostri acquisti presso il wineshop Tommasi.

I posti sono limitati: è obbligatorio prenotare come predisposto dal protocollo DPCM, telefonando allo 045 7701266 oppure scrivendo una e-mail a wine@tommasi.com

 

INFO:

Le serate si svolgono come segue:

  • partecipanti nel numero consentito dalla capienza autorizzata del locale ospitante
  • posti riservati ai tavoli
  • Valgono in generale tutte le regole del DCPM

- l’accesso ai luoghi dell’evento sarà gestito partendo dalla misurazione della temperatura e con un modulo da compilare per registrare la vostra presenza all’interno del locale secondo il DPCM

- è obbligatorio indossare la mascherina durante il tour della cantina, al tavolo potrete toglierla per godervi la degustazione

- la distanza di sicurezza sarà garantita all’interno della struttura, con tavoli e postazioni di degustazione distanziate

- all'ingresso ed all'interno della struttura saranno disposti dispenser con gel disinfettante per la sanificazione delle mani


Aperitivo in Villa

Le nostre serate sono rinviate nel rispetto della linea guida del nuovo decreto ma la nostra cantina è aperta per wine tour, degustazioni e acquisti. Per informazioni e prenotazioni www.tommasiwinetours.com


Aperitivo in Villa
Domenica 11, 18 e 25 ottobre 2020

dalle 17 alle 19.30

Torna a Villa Quaranta il momento dell’aperitivo con musica live, preparazioni a tema della cucina del ristorante Borgo Antico, dove il territorio incontrerà le eccellenze nazionali ed internazionali ed i vini Tommasi ci regaleranno una wine experience emozionante.

 

Gli Appuntamenti
Aperitivo e degustazione di 2 calici di vino Tommasi in abbinamento a finger food
Domenica 11.10  > Formaggi: Lessinia e Francia si incontrano
Domenica 18.10  > Salumi: Veneto e Romagna a confronto
Domenica 25.10 > Pesce: il Lago di Garda incontra il Mare

Il costo dell' Aperitivo è di € 15.00 per persona, è necessario prenotare.

Il tema dell'incontro, dello scambio e del dialogo sarà il protagonista per questi tre appuntamenti imperdibili: un incontro fra i formaggi della Lessinia e della Francia, una sfida fra i salumi veneti e romagnoli ed infine il pesce del Lago di Garda a confronto con quello di mare.
Un'occasione speciale per riscoprire un luogo magico della Valpolicella Classica come Villa Quaranta, che in occasione di questi appuntamenti, saprà sorprendere proponendo location differenti di volta in volta e svelare nuove sale o angoli segreti.

"Tommasi oggi non significa solo vino, ma anche ristorazione d’eccellenza: Ristorante Borgo Antico, presso Villa Quaranta Wine Hotel & SPA, è un vero e proprio paradiso tra le colline della Valpolicella Classica, un luogo interamente dedicato all’esperienza di cibo e vino - afferma Luca Carrara, direttore -  lo chef Emanuele Selvi con Enrico De Togni, il nostro restaurant manager, hanno pensato ad una proposta originale, che mescola abbinamenti coinvolgenti e sapori autentici: il connubio essenziale della filosofia culinaria di casa Tommasi.Un percorso gastronomico dove le materie prime, la tradizione e l’indiscussa creatività, faranno vivere un’esperienza unica sapientemente abbinata ai nostri migliori vini."

4P3A1065

Per chi desidera fermarsi a cena (due portate, dessert, acqua e caffè inclusi)  il costo è di € 35 per persona
In omaggio una bottiglia a scelta tra:

Tommasi Le Fornaci Lugana doc, Tommasi Crearo Rosso Verona igt o Tommasi Ripasso Valpolicella Classico Superiore doc

È obbligatorio prenotare
 al Ristorante Borgo Antico come predisposto dal protocollo DPCM, telefonando allo 045 6767300 oppure scrivendo una e-mail a ristorante@villaquaranta.com

 

 

 


Tommasi Music Lounge

Torna l'appuntamento musicale al Caffè Dante Bistrot.
Tutti i giovedì di ottobre e novembre per offrire al pubblico veronese un viaggio alla riscoperta dei sapori tipici nel salotto di Verona.

Una cena con un menù dedicato di tre portate proposto dallo chef Mattia Meneghello in abbinamento ai vini Tommasi e alla Musica Live dei migliori artisti veronesi.

«Vorrei che il Caffè Dante Bistrot tornasse ad essere il salotto della città, un luogo dove potersi incontrare, e godere di arte, cultura e musica, insieme a del buon cibo e un calice di vino, che da noi è un must!  - afferma il direttore Gianpaolo Spinelli - Vogliamo essere ambasciatori di iniziative culturali di qualità per rilanciare la ristorazione di Verona e gli artisti locali, in questo tempo certamente non facile».

L'atmosfera intima dell'Autunno, la musica dal vivo ed un menù diverso ogni giovedì sera saranno l'occasione per riscoprire uno dei ristoranti storici della nostra città ed immergersi in un mondo di aromi e sapori per un'esperienza unica. Un luogo che ha saputo rinnovarsi e proporsi con una veste nuova per diventare una della mete gourmet e culturali di Verona.


Programma
8- 15 – 22 – 29 ottobre 2020
5 – 12 – 19 -26 novembre 2020

dalle ore 20.00, cena con tre portate e tre calici di vino Tommasi in abbinamento.

 

4P3A1634 low

2^ APPUNTAMENTO
15 Ottobre 2020

Canta: POZZATO & ROMEO  Jazz Duo

Tagliere di prosciutti artigianali con la giardiniera del Dante
( San Daniele , Parma , 24 mesi , Prosciutto crudo del Dante affinato nel vino Amarone)
vino al calice: Caseo Pinot Nero Brut Rosè

Pacchero “Verrigni” con cime di rapa e pecorino sardo
vino al calice: Paternoster Vulcanico Falanghina igt 2019

Costoletta di Vitello in osso alla Milanese del Dante, salsa alle nocciole e pomodorini dry
vino al calice: Tommasi Rafaèl Valpolicella Classico Superiore doc 2018

Ricotta di Pecora razza brogna, confettura di stagione, crumble al cacao

Segui la pagina Facebook del Caffè Dante Bistrot per tenerti aggiornato sui menù e seguire la tua band preferita.

[ninja_forms id=53]

Il costo della cena degustazione Tommasi Music Lounge è di € 50.00 per persona.
È obbligatorio prenotare al Caffè Dante Bistrot come predisposto dal protocollo DPCM, telefonando allo 045 8000083 oppure scrivendo una e-mail a info@caffedante.it.

 


Tommasi Day

Si è tenuto il 28 ottobre presso Villa Quaranta Tommasi Wine hotel & SPA il Tommasi Day.
Una giornata speciale di degustazione dedicata agli operatori del settore e alla forza vendita.

image00001       image00020

Una perfetta occasione per approfondire la conoscenza dei vini icona che hanno fatto la storia di Tommasi come l' Amarone ed il Ripasso e Le Fornaci Lugana con i vini delle altre tenute come il Paternoster Don Anselmo e il Casisano Brunello. 

Ai vini icona si è affiancato il meglio delle tenute Tommasi Family Estates dalla Valpolicella Classica, emblema di famiglia, passando per l'Oltrepò con gli spumanti di Caseo, la Maremma Toscana con i vini di Poggio al Tufo, e la Puglia con la produzione di Masseria Surani.

image00021.      image00040

Una ricca giornata, intervallata dalla visita della cantina per i partecipanti, il tutto sotto la guida di Piergiorgio e Stefano Tommasi, che si sono presi cura degli ospiti e li hanno guidati nelle visite e degustazioni in programma.

"Siamo entrati di fatto nella fase post emergenza Covid-19, quella che viene comunemente definita “nuova normalità”. - afferma Pierigorgio Tommasi - ma finalmente si può intravedere del sereno all’orizzonte. Ora dobbiamo, esattamente con la saggezza contadina che ci accompagna da sempre, rialzare la testa e guardare avanti. Lo possiamo e dobbiamo fare sulla base di elementi concreti che fanno parte positivamente della nostra identità. Lo sappiamo: il mondo del vino è ancora in apprensione, soprattutto per quanto riguarda il dialogo con la ristorazione, ma la risposta giusta può venire solo da noi, “gente del vino”, sulla base della nostra tenacia, passione e professionalità.  Dobbiamo affrontare con ottimismo il prossimo futuro. Occasioni come il Tommasi Day sono fondamentali per rafforzare fiducia ed entusiasmo."

image00027

Giancarlo Tommasi, enologo e responsabile della produzione, ha guidato una verticale speciale di Tommasi Ca' Florian Amarone della Valpolicella Classico Riserva.
A disposizione per gli ospiti anche un assaggio delle annate 2008 e 2009 del De Buris Amarone della Valpolicella Classico doc Riserva.

Processed with VSCO with fp8 preset


Le Fornaci Lugana, tra vento vino e vocazione

In tour sul Lago di Garda alla scoperta del progetto Le Fornaci Lugana
Innamorarsi di un territorio, valorizzarlo e farlo conoscere attraverso il vino: tra le terre “conquistate” dai Tommasi c’è il Lugana doc

Processed with VSCO with a4 preset

Processed with VSCO with a4 preset

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A bordo di un veliero a due alberi come il San Nicolò si ha il privilegio di ammirare il Lago di Garda in tutta la sua straordinaria bellezza. La superficie liquida del lago salta brillante tagliata dalla prua che guida questa splendida imbarcazione del 1925, completamente restaurata e ricca di fascino. Con una vista mozzafiato di questo tipo, ci si sente ancora più fortunati di poter chiamare la zona storica della Lugana, sulla sponda a sud del lago, “il proprio giardino dietro casa” come viene definita dalla famiglia Tommasi.

Allargare gli orizzonti per raccontare una visione lungimirante, quella del progetto Le Fornaci Lugana, è stato l’obiettivo dell’evento di due giorni (27 e 28 agosto) dedicato alla stampa specializzata organizzato dalla famiglia Tommasi. Un tour sul lago in barca a vela ha traghettato i giornalisti in due ore di crociera per ammirare uno dei paesaggi più belli del nostro territorio, lì proprio dove nasce il Lugana. A fine giornata, una cena preparata dallo chef Fabrizio Molteni de La Speranzina ha proposto un menu totalmente dedicato al Lugana Le Fornaci 2019, anteprima gourmet del secondo giorno di press tour incentrato invece su una degustazione tecnica di una verticale di quattro annate di questo nuovo vino firmato Tommasi.

 

A due passi dalla Lombardia, nel lembo di terra che comprende Desenzano, Sirmione, Pozzolengo, Lonato e Peschiera del Garda, nasce il racconto di un territorio in etichetta, quello del Lugana. Un vino bianco, inconfondibile, rigoroso e di classe, particolarmente longevo. Un unico vitigno autoctono in purezza, il Turbiana - nome locale per definire il trebbiano di Lugana impiantato a sistema Guyot- viene coltivato in tre vigneti dislocati in differenti aree della Lugana Doc (vicino al Lago di Garda, vicino al comune di Sirmione e verso San Martino della Battaglia), per un totale di 45 ettari, di cui 40 in produzione e 5 rimanenti che andranno in vendemmia nel 2021. Un vigneto, quello a ridosso  del Lago di Garda, ha un terreno a base calcarea, variamente stratificato e argilloso. Gli altri due vigneti, situati nell’entroterra, sono invece a composizione sabbiosa e ricca di limo. Se le uve provenienti dal primo conferiscono al Lugana corpo, struttura e potenza, quelle provenienti dal secondo e terzo conferiscono al vino aroma ed eleganza, acidità e freschezza.

IMG_8124

Alla famiglia Tommasi piace comprare e investire nei territori di cui si innamorano e in cui credono. Infatti, nel 2013 è stato il turno di questa porzione di terra particolarmente vocata che ha fatto nascere questa nuova etichetta, il Lugana, ed evolvere il progetto Le Fornaci che, sfruttando la collocazione di uno dei vigneti in prossimità del sito archeologico di una fornace romana, ribadisce con il suo nome le forti radici legate al territorio e la ferma intenzione di valorizzarlo.

Abbiamo di fronte un vino elegante, pronto a completare il portfolio della realtà vitivinicola che in quattro annate descrive l’evoluzione in calice di un progetto ampio la cui identità è ancora in divenire, ma nel cui sviluppo trova la completa armonizzazione di una visionaria strategia aziendale.

Sul tavolo della verticale l’enologo Giancarlo Tommasi ha raccontato le annate 2016, ’17, ’18, ’19 conducendo i giornalisti nel fare esperienza di un vino tutto da scoprire e tutto da vivere. L’annata 2016 è la vendemmia d’esordio che ha dato l’avvio al progetto Lugana; la 2017 è quella che ha dato coerenza stilistica al progetto e definito i suoi successivi upgrade.

L’annata 2018 è la base del Tommasi Le Fornaci Lugana doc Riserva 2018, novità che vedrà la luce nel 2021 con 3 mila bottiglie, il primo millesimato in cui le parcelle della Tenuta Le Fornaci sono entrate in produzione in maniera continuativa.

Una selezione delle vigne ritenute più importanti affinate per 16 mesi in tonneau che daranno un grande vino, intenso, complesso, aromatico, la cui bontà - anche se è prematuro dirlo - è già innegabile; sarà un vino che farà parlare di sé. Dalla prima bottiglia del 2016 all’ultima del 2019 si segna l’attitudine di un vino in cui si esprimono la costanza e la coerenza tipiche della campagna, la forte crescita e il meticoloso lavoro di fino fatto di correzioni di vendemmia in vendemmia di ogni passaggio che poteva rappresentare un’incongruenza rispetto alla visione generale e al processo di vinificazione. Nell’annata 2019 il Lugana conosce il vero punto d’approdo stilistico dell’intero progetto. Colore giallo intenso con riflessi verdi; fragrante e fruttato al naso, con note di frutta tropicale e pompelmo. In bocca è salino, persistente, nel finale sapido, minerale con sentore di mandorla, buona tensione e un congedo carezzevole.

La fortuna di questa etichetta è data da una combinazione di elementi vincenti che vanno dal vino alla bottiglia, ma che integrano anche una moltitudine di micro influenze di contesto che sono la chiave fondamentale per comprendere l’importanza del progetto Lugana Le Fornaci nella futura fisionomia della proposta enologica della famiglia Tommasi. Un colosso vitivinicolo che continua ad evolversi prevedendo nel suo progetto una e struttura dedicata all’ospitalità e all’enoturismo (con un punto di degustazione e ristoro) e trasla sempre di più la sua visione aziendale verso una realtà allargata, diffusa, studiata appositamente per gli appassionati e neofiti che vogliono calcare in prima persona il palcoscenico su cui questo vino nasce e debutta.

Rassegna Stampa:

 


IL ROSSO D’ESTATE È DI MODA

Vino rosso d’estate si può.
Ecco cinque vini rossi che possono accompagnare le fresche serate con gli amici

Quando si parla di vino ci sono molti miti da sfatare e anche molti tabù da sdoganare.
Sulle tavole dei ristoranti capita sempre più spesso infatti che le inflessibilità in fatto di vino e della sua “temperatura ambiente” vengano mitigate a favore di nuove tendenze, più aperte e moderne. E se d’estate c’è bisogno  di un vino fresco, appagante e profumato, anche un vino rosso rinfrescato può rispondere a questi requisiti.
La regola nuova è che non c’è una vera e propria regola e il vino è sempre meno snob.
Ma come mai è ancora così difficile immaginarsi di sorseggiare un bel bicchiere di vino rosso a bordo piscina, in una fresca sera d’estate?

La risposta sta nella chimica. La verità è che il problema principale legato a  questa percezione sono i tannini, ovvero i composti polifenolici presenti nel raspo, nei vinaccioli e nella buccia dell’uva. Sono i tannini infatti che causano l’astringenza, la tipica sensazione ruvida e di secchezza lasciata sul palato e sulle gengive: questa sensazione è dovuta dall’interazione dei tannini con la saliva. Essi si legano alle proteine della saliva facendole perdere il suo agente lubrificante e se, a temperature alte, questa sensazione astringente si addolcisce -aumentando però quella alcolica- a temperature basse invece si verifica il contrario.
L’unico modo per superare questo problema è scegliere dei vini rossi, di buon corpo, poco tannici e con una gradazione alcolica bassa.
Ecco allora per i fedeli del rosso alcune etichette perfette anche per l'estate e  per un dopo cena in completo relax.
Dal Casisano Brunello al Tommasi Ripasso, vi presentiamo cinque vini rossi che non solo sfoggiano un sorso agile con il loro stile fruttatoma che non temono neanche di essere refrigerati.
Group of friends gathered around a table in a garden on a summer evening to share a meal and have a good time together
Il primo rosso estivo da bere con gli amici è un vino del sud. Siamo in Basilicata con il Paternoster Synthesi Aglianico del Vulture. La vivacità del suo rosso rubino brilla di freschezza e presenta un fragrante bouquet fruttato di mora, mirtillo, bacche di sottobosco e pepe. Al palato è asciutto e vellutato, lascia armonia e persistenza gustativa. Uve Aglianico del Vulture 100% e gradazione alcolica del 13%. Lo snob del vino vi direbbe che la temperatura ideale del Synthesi è 16° gradi e che sotto i 12° si può scoprire che alcuni aromi e sapori scompaiono e i tannini schioccano, ma non abbiate paura di berlo più fresco. Vi stupirà positivamente e vi pentirete di non averlo fatto prima.
Il secondo rosso amico dell’estate è il vino simbolo di Poggio al Tufo Rompicollo Rosso Toscana, prodotto nella Maremma. Un blend di Sangiovese 60% e Cabernet Sauvignon 40% dai tratti raffinati e caldi che affascina per vivacità ed eleganza. Il colore rosso rubino intenso e vivace colpisce l’occhio, ma è sempre il naso che incanta quando si assaggia questo vino che presenta un elegante e variegato bouquet di piccoli frutti rossi maturi come more e lamponi, erbe balsamiche essiccate e delicate spezie dolci. Al gusto è rotondo, pieno e avvolgente e con tannini vellutati. Di buon corpo, il Rompicollo mostra un’ottima scorrevolezza al palato anche servito a temperature più basse.
Corposo e armonico, Surani Heracles Primitivo di Manduria rappresenta una delle eccellenze della produzione vitivinicola pugliese. Il bicchiere si tinge di un rosso rubino intenso e ad un primo olfatto mostra subito un’affascinante complessità: dal floreale di viola, al ricco fruttato di amarena, ciliegia nera e fragola, su un fondo di note balsamiche, di liquirizia ed erbe aromatiche. Al gusto è corposo, ampio e conquista con dei tannini leggiadri e rifiniti e un finale vivace, sostenuto da una piacevole freschezza che attraversa la bocca come la danza di una farfalla.
Se questi tre vini possono essere serviti a temperature più basse di quelle, a cui di solito siamo abituati a degustare un vino rosso, dimostrando che è in atto un cambiamento importante nel suo ‘galateo’, ci sono anche i ‘vini da relax’, quelli che semplicemente si accordano perfettamente alla voglia di stare insieme in una serata all’aperto, quando fuori ci sono i grilli che friniscono lontani, qualche lucciola fa capolino sulla veranda e capita di accoccolarsi piacevolmente su una sedia in vimini.
Questi vini d’accompagnamento sono due vini di particolare eleganza che non vanno bevuti freddi, ma allietano le serate estive:
il Casisano Brunello di Montalcino 2015 e il Tommasi Ripasso Valpolicella Classico Superiore.
Il primo, ottenuto da uve 100% Sangiovese grosso, dal colore rubino profondo, si apre all’olfatto con un’elegante e fresca complessità delle note fruttate e speziate tipiche del Sangiovese.
Quando si beve il Ripasso, invece, un nettare dal colore rosso rubino intenso e luminoso scivola nel palato e ciliegie mature invadono gioiosamente il naso, raggiunto da un profumo intensamente speziato, a riprova del fatto che i vini rossi sanno raccontare l’estate in modo unico e che le serate con gli amici sono belle, ma davanti a un buon bicchiere lo sono ancora di più.


A Cena con l'enologo - Il Lugana e il lago di Garda

Giovedi 16 Luglio non perdetevi la seconda cena virtuale assieme a Giancarlo Tommasi, enologo della IV generazione della famiglia Tommasi per degustare le eccellenze del lago di Garda Tommasi Lugana Le Fornaci Doc e il Chiaretto Bardolino Granara, seguendo il corso di cucina per preparare assieme uno sfizioso piatto della tradizione in abbinamento direttamente a casa vostra.
 
pulsante sito acquista il kit          pulsante sito partecipa alla cena
 
QUANDO
Giovedi 16 Luglio ore 19:00 via Zoom
OSPITI SPECIALI
Chiara Giannotti, giornalista e wine expert di vino.tv
Serena Codognola, chef con cui prepareremo la cena passo a passo mentre degusteremo i vini assieme
DEGUSTA E CUCINA CON NOI
Acquista i due vini in degustazione e gli ingredienti per cucinare il risotto, al prezzo speciale di € 38,00 incluso di spese di spedizione, tramite   paypalnuovologo-650x245
kit lugana copia
Cosa riceverete a casa per la digital dinner:

    • una bottiglia di Tommasi Le Fornaci Lugana Doc 2019
    • una bottiglia di Tommasi Granara Chiaretto Bardolino Doc 2019
    • un vasetto di Renga sottolio della storica Bottega della Renga 290 gr
    • un pacco di Tagliatelle di Mais biologico di Antico Molino Rosso 500 gr
    • un pacco di farina di grano duro biologico di Antico Molino Rosso 1 kg
    • una ice-bag Tommasi

Il kit è anche acquistabile tramite bonifico bancario intestato a S.S. Agricola Tommasi Viticoltori: IT 92 L 05034 59810 0000 000 17607
Per questo metodo di pagamento vi chiediamo di inviarci a wine@tommasi.com:
- la copia del bonifico
- nome e cognome
- l'indirizzo di spedizione
- il contatto telefonico
entro il 10 Luglio 2020, per garantire che la spedizione arrivi entro i tempi previsti.
Un'occasione unica per immergersi nel mondo Tommasi, non solo per scoprire la ricchezza del Lago di Garda e dei suoi grandi vini, ma per imparare i segreti della cucina di famiglia.
giancarlo tommasi enologo serena codogonla chiara-giannotti-e1564635249278
Per ogni dubbio o esigenza siamo a completa disposizione, di seguito i nostri contatti
t. +39 045 770 12 66
e. wine@tommasi.com
 


A Cena con l'enologo - Il Lugana e il lago di Garda

Giovedi 16 Luglio non perdetevi la seconda cena virtuale assieme a Giancarlo Tommasi, enologo della IV generazione della famiglia Tommasi per degustare le eccellenze del lago di Garda Tommasi Lugana Le Fornaci Doc e il Chiaretto Bardolino Granara, seguendo il corso di cucina per preparare assieme uno sfizioso piatto della tradizione in abbinamento direttamente a casa vostra.

 

pulsante sito acquista il kit          pulsante sito partecipa alla cena

 

QUANDO
Giovedi 16 Luglio ore 19:00 via Zoom

OSPITI SPECIALI
Chiara Giannotti, giornalista e wine expert di vino.tv
Serena Codognola, chef con cui prepareremo la cena passo a passo mentre degusteremo i vini assieme

DEGUSTA E CUCINA CON NOI
Acquista i due vini in degustazione e gli ingredienti per cucinare il risotto, al prezzo speciale di € 38,00 incluso di spese di spedizione, tramite   paypalnuovologo-650x245

kit lugana copia

Cosa riceverete a casa per la digital dinner:

    • una bottiglia di Tommasi Le Fornaci Lugana Doc 2019
    • una bottiglia di Tommasi Granara Chiaretto Bardolino Doc 2019
    • un vasetto di Renga sottolio della storica Bottega della Renga 290 gr
    • un pacco di Tagliatelle di Mais biologico di Antico Molino Rosso 500 gr
    • un pacco di farina di grano duro biologico di Antico Molino Rosso 1 kg
    • una ice-bag Tommasi

Il kit è anche acquistabile tramite bonifico bancario intestato a S.S. Agricola Tommasi Viticoltori: IT 92 L 05034 59810 0000 000 17607

Per questo metodo di pagamento vi chiediamo di inviarci a wine@tommasi.com:
- la copia del bonifico
- nome e cognome
- l'indirizzo di spedizione
- il contatto telefonico

entro il 10 Luglio 2020, per garantire che la spedizione arrivi entro i tempi previsti.

Un'occasione unica per immergersi nel mondo Tommasi, non solo per scoprire la ricchezza del Lago di Garda e dei suoi grandi vini, ma per imparare i segreti della cucina di famiglia.

giancarlo tommasi enologo serena codogonla chiara-giannotti-e1564635249278

Per ogni dubbio o esigenza siamo a completa disposizione, di seguito i nostri contatti

t. +39 045 770 12 66

e. wine@tommasi.com